News

Erosione costiera e dissesto idrogeologico nel Lazio
01 Aprile 2020 - Fonte GreenReport.it

A che punto è l’erosione costiera lungo il Lazio: un approfondimento. Da lungo tempo si discute in ambito scientifico sui fenomeni del dissesto idrogeologico, che anche in Italia ormai si manifestano con eventi impetuosi e rapidi, ad andamento catastrofico, richiamando l’attenzione e la preoccupazione delle istituzioni, dei politici, degli scienziati, dei tecnici ed in generale dei cittadini. Il dissesto idrogeologico è un potente modificatore del paesaggio. Nella loro virulenta forma presente, fenomeni come le frane, le inondazioni, l’erosione costiera sono stati definiti come malattia della civilizzazione, perché è la stessa evoluzione umana o meglio ancora il progresso tecnologico che hanno accelerato il lento decorso dei fenomeni naturali in maniera travolgente e preoccupante. read more

 

Infrastrutture, Mit: 4 bandi da 480 mln per il trasporto sostenibile al Sud e Green Ports
28 Marzo 2020 - Fonte IlDenaro.it

Sono stati pubblicati in Gazzetta Ufficiale i 4 bandi del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per uno stanziamento complessivo di 480 milioni di euro, destinati alla promozione dei sistemi di trasporto sostenibile del Mezzogiorno. A beneficiarne la Basilicata, la Calabria, la Campania, la Puglia e la Sicilia, le stesse cinque regioni in via di sviluppo già destinatarie del PON, il Programma Operativo nazionale Infrastrutture e Reti 2014- 2020. read more

 

Bonifica di aree inquinate, un bando da venti milioni di euro
26 Marzo 2020 - Fonte IlSicilia.it

Nuovo bando per la bonifica di aree inquinate in Sicilia. Saranno finanziati interventi di bonifica e di messa in sicurezza permanente di vecchie discariche che ricadono nell’isola. Il Dipartimento Acqua e rifiuti della Regione ha lanciato un preavviso per permettere a tutti i potenziali beneficiari di attivarsi in tempo e avviare le procedure necessarie a partecipare alla selezione. Per accedere al bando enti locali ed enti pubblici indicati nel programma operativo Fesr dovranno prima attuare tutto ciò che è previsto dalla normativa per accertare l’effettivo obbligo di bonifica. La dotazione finanziaria dell’avviso pubblico sarà pari a circa venti milioni di euro. Saranno ammissibili gli interventi sulle discariche pubbliche dismesse, censite nel piano regionale delle bonifiche o rientranti nelle perimetrazioni nazionali. read more

 

Ricostruzione post sisma Centro Italia: ok agli anticipi del 50% ai professionisti
23 Marzo 2020 -Fonte Casa & Clima

l Commissario alla Ricostruzione dei territori colpiti dal sisma 2016, Giovanni Legnini, ha firmato due Ordinanze per disciplinare il pagamento degli anticipi ai professionisti per i progetti di ricostruzione delle abitazioni e dei siti produttivi danneggiati dal terremoto nel Centro Italia, e per recepire le ultime innovazioni legislative modificando diversi provvedimenti commissariali già in vigore. Sono le prime due Ordinanze emanate da Legnini, dopo il suo insediamento quale Commissario a fine febbraio, modificate e riadottate con una procedura speditiva dopo le osservazioni formulate dalla Corte dei Conti ai testi emanati dal precedente Commissario. Il provvedimento sulle anticipazioni ai tecnici e ai professionisti dà attuazione a una norma di legge di un anno e mezzo fa e ancora inapplicata. read more

 

ANAS Spa (Gruppo FS italiane) in Toscana  3 bandi del valore di 5 milioni di euro
17 Marzo 2020 - Fonte Nove da Firenze

ANAS (Gruppo FS Italiane) ha pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale di oggi, lunedì 16 marzo, tre bandi di gara d’appalto per l’affidamento di lavori di manutenzione programmata della pavimentazione su tutte le strade statali della Toscana, per un valore complessivo di 15 milioni di euro. Nel dettaglio, si tratta di 3 gare da 5 milioni di euro ciascuna che saranno affidate mediante procedura di Accordo Quadro di durata quadriennale. Tale procedura consente di eseguire i lavori con tempestività nel momento in cui si manifesta il bisogno, senza dover espletare ogni volta una nuova gara di appalto, consentendo quindi risparmio di tempo e maggiore efficienza. I tre bandi per la Toscana rientrano nella settima tranche del piano #bastabuche, avviata oggi per un valore complessivo di 380 milioni di euro a livello nazionale, che consentirà il risanamento della pavimentazione su almeno 5 mila km sulla rete Anas in Italia, incluse le strade rientrate in gestione all'azienda dagli Enti locali nel corso del 2019. Ad oggi il piano #bastabuche ha consentito di risanare complessivamente quasi 30 mila km di corsie stradali, per un valore di quasi 2 miliardi di euro. read more

 

Sicurezza infrastrutturale, per il futuro occorre riprogettare vita nominale dell'esistente
16 Marzo 2020 -  Fonte ingegneri.cc

Investire sulla sicurezza infrastrutturale per dare un futuro alla nostra rete infrastrutturale (…e non solo). Il crollo del ponte Morandi ha drammaticamente evidenziato la reale situazione della sicurezza del patrimonio infrastrutturale italiano. Come ogni tragedia, ha messo in luce le vulnerabilità delle opere che avrebbero dovuto essere preservate nel tempo. Succede (sistematicamente) quando avviene un terremoto, i cui danni sono a volte il frutto di errate prassi costruttive del passato e di una mancanza di percezione del rischio sismico, valutato erroneamente come un evento eccezionale. Ma nel caso dei recenti crolli di alcuni viadotti e ponti, nulla vi è stato di eccezionale, se non la drammatica mancanza di una pianificazione della manutenzione e adeguamento strutturale ai nuovi requisiti di sicurezza, richiesti dalle attuali norme tecniche per strutture datate nel tempo. Il ritratto di un Paese che non ha saputo preservare il suo patrimonio, ne adeguarlo per poterne usufruire nel futuro in piena sicurezza. read more

Fondo Nazionale Innovazione. Opportunità per rilancio imprese
11 Marzo 2020 - Fonte AgendaDigitale.eu

Il Fondo Nazionale Innovazione, con dotazione da un miliardo di euro, è un’occasione importante per un paese sempre a caccia di risorse per gli investimenti. Bisogna tuttavia riflettere sui criteri di utilizzo dei finanziamenti, per privilegiare i criteri etici e generare un ritorno di competitività del sistema Paese. Aprire nuove imprese in generale è sempre un bene, ma non è affatto giusto che a finanziarle sia un Fondo pubblico a meno che non si dimostri la convenienza non solo economica del parteciparvi. Sarebbe dunque necessario aprire una riflessione sia sui criteri di utilizzo del nuovo Fondo Nazionale Innovazione – che non dovrebbe erogare finanziamenti a pioggia ma stabilire criteri selettivi intesi a individuare non solo prodotti realmente innovativi ma anche criteri manageriali etici – sia sulla logica stessa della startup che nella stragrande maggioranza dei casi ha come obiettivo quello di rendere concreta una idea di business per poi venderla ad una azienda più grande o ad un socio più consolidato. read more

 

Patto per l'informazione ambientale tra Ministero dell'Ambiente, Ispra, Enea e le principali testate
8 Marzo 2020 - Fonte Snpa Ambiente

“Un patto green che riporti i temi ambientali in prima pagina”. Così il ministro dell’Ambiente Sergio Costa all’incontro di sabato scorso a Roma, che si è tenuto a porte chiuse presso la sede dell’ENEA e ha visto per la prima volta a confronto istituzioni, mondo dell’editoria, direttori di testate giornalistiche e associazioni di categoria. “Oggi lanciamo un patto green per l’informazione ambientale”. Costruire un percorso comune, fatto di idee e proposte concrete è stata la sfida lanciata dal ministro, per dare la massima visibilità ai temi ambientali: dai cambiamenti climatici all’inquinamento urbano, alla sostenibilità; dalle occasioni di lavoro green alle soluzioni che l’economia verde e la scienza già ci mettono a disposizione. Il patto sarà messo a punto e firmato in occasione del Festival del giornalismo ambientale che si svolgerà a giugno. read more

 

Firmato accordo tra Cassa Depositi e Prestiti e ENI
06 Marzo 2020 - Fonte Cassa Depositi e Prestiti

Il Gruppo Cassa Depositi e Prestiti ed Eni hanno sottoscritto un accordo per la nascita della società CircularIT, dedicata allo sviluppo di impianti per la produzione di bio combustibili e acqua, a riutilizzo industriale e irriguo, tramite l’impiego dei rifiuti organici urbani (FORSU), in linea con un modello di sviluppo circolare. La società sarà partecipata al 51% da CDP Equity (società controllata da CDP) ed al 49% da Eni Rewind (società controllata da Eni). L’operazione è subordinata all’autorizzazione da parte dell’autorità Antitrust. Eni ed Eni Rewind apporteranno la tecnologia proprietaria per il trattamento della FORSU, oltre alle proprie competenze industriali nell’ambito della costruzione e gestione degli impianti per la produzione di bio combustibili. CDP e CDP Equity coordineranno i rapporti istituzionali a livello centrale e locale per il supporto agli iter autorizzativi e per la promozione della tecnologia. Considerato l’interesse nazionale e la rilevanza territoriale del progetto, l’iniziativa potrà vedere la partecipazione di investitori istituzionali con quote di minoranza e operatori locali del settore. L’iniziativa, che fa seguito agli accordi tra CDP ed Eni dello scorso agosto per la realizzazione di iniziative congiunte nell’ambito della decarbonizzazione, dell’economia circolare e delle energie rinnovabili, (...) read more

 

Cessazione della qualifica di rifiuto: le linee guida del Sistema nazionale per la protezione ambientale
04 Marzo -  Fonte Snpa

Le novità normative introdotte sulla cessazione della qualifica di rifiuto (end of waste) prevedono un sistema di controlli ex post sugli impianti autorizzati “caso per caso” dalle Regioni o dalle Province, attribuendone la competenza al Sistema Nazionale per la protezione dell’ambiente, che avrà un importante ruolo di garanzia. Di recente è stata modificata la normativa in materia di cessazione della qualifica di rifiuto (c.d. “end of waste”), introducendo ulteriori disposizioni all’art. 184-ter del DLgs 152/2006 (Codice dell’ambiente), tra cui quella che istituisce un sistema di controlli ex post sugli impianti autorizzati, cd autorizzazioni “caso per caso”, ovvero in mancanza di riferimenti normativi europei e nazionali, attribuendone la competenza al Sistema Nazionale per la protezione dell’ambiente (SNPA). A questo proposito Arpatnews ha rivolto alcune domane a Valeria Frittelloni, coordinatrice del gruppo di lavoro (di seguito GdL) sulle “Linee guida per l’applicazione della disciplina end of waste di cui all’art 184 ter comma ter del decreto legislativo n. 152/2006”. readmore

Il Ministro Costa inaugura il primo Festival del Giornalismo Ambientale 
27 Febbraio 2020 - Fonte Ministero dell'Ambiente

Giornalismo ambientale, nuovi media, scienza e divulgazione, informazione e formazione: sono questi alcuni temi che verranno affrontati al primo festival del giornalismo ambientale, in programma a Roma, al Maxxi, dal 6 all’8 marzo. Organizzato dal ministero dell’Ambiente, dall’Enea con l’Ispra e la Federazione italiana dei media ambientali (Fima), sarà inaugurato dal ministro dell’Ambiente Sergio Costa, che interverrà alla sessione di apertura, alle ore 9.30, moderata dalla conduttrice Tessa Gelisio, alla quale prenderanno parte il presidente dell’Enea Federico Testa, il presidente dell’Ispra Stefano Laporta, il presidente della Fima Roberto Giovannini, il presidente dell’Ordine dei giornalisti Carlo Verna e il segretario generale del Maxxi Pietro Barrera. read more

 

Siccità. Il Po è a livelli estivi, svuotati anche i grandi laghi
24 Febbraio 2020 -  Fonte e-gazette

Il livello del fiume Po al Ponte della Becca, nel Pavese, è di - 2,4 metri, lo stesso di metà agosto scorso. Il riempimento del Lago di Como è al 25% e al 28% l'Iseo. Allarme anche a Sud. Il livello idrometrico del fiume Po continua a scendere ed è basso come in piena estate; anomalie si vedono anche nei grandi laghi, che hanno percentuali di riempimento che vanno dal 25% di quello di Como al 28% dell'Iseo. Emerge dal monitoraggio della Coldiretti, dal quale si evidenzia anche che il livello idrometrico del fiume Po al Ponte della Becca, nel Pavese, è di -2,4 metri, lo stesso di metà agosto scorso. La situazione critica del Po a causa di siccità e delle alte temperature, ha quindi ricordato Coldiretti, ha spinto l'Autorità distrettuale di bacino a convocare per il 6 marzo l'Osservatorio sulle crisi idriche per fare il punto della situazione.. read more

 

Bonifica ex Ticosa, pubblicato il bando. Operazione da più di 5 milioni di euro
18 Febbraio  2020 - Fonte RecoverWeb

Area ex Ticosa, pubblicato il bando per l’intervento di bonifica della “cella 3”. Entro fine marzo andranno presentate le offerte. Obiettivo è quello di rispettare il cronoprogramma realizzato dagli uffici e far partire i lavori non oltre il primo novembre del 2020 e chiudere, salvo imprevisti, entro la fine del 2021, con l’intento di riuscire ad anticipare il tutto per la fine dell’estate. Una notizia a lungo attesa per poter immaginare la rinascita – lenta, va detto – della zona un tempo occupata dall’ex tintostamperia. Ma in ogni caso adesso ci sono delle date certe. Come detto, il 30 marzo sarà il termine ultimo per il deposito delle offerte e il giorno dopo avverrà l’apertura delle buste in Comune in seduta pubblica. read more

 

Terremoto, Giovanni Legnini è il nuovo Commissario alla Ricostruzione
14 Febbraio 2020 - Fonte Corriere Adriatico

Ancona - Giovanni Legnini è il nuovo commissario straordinario alla ricostruzione post sisma 2016. Il presidente del Consiglio dei ministri, Giuseppe Conte, ha firmato infatti il decreto di nomina del consigliere di centrosinistra alla Regione Abruzzo. Giovanni Legnini sostituirà Piero Farabollini il cui mandato è scaduto a fine 2019. Nel Consiglio regionale dell'Abruzzo al posto di Legnini, già vicepresidente del Consiglio superiore della Magistratura, entra Pierpaolo Pietrucci, primo dei non eletti nel Pd nel collegio dell'Aquila con 4.760 voti.

 

Banca Dati della Legalità contro le infiltrazioni negli appalti
13 Febbraio 2020 - Fonte Valori.it

Una banca dati per il rispetto della legalità, che permetta di effettuare bonifiche ambientali, presto e bene, impedendo le infiltrazioni mafiose e criminali negli appalti pubblici. Un modello messo in atto dai Carabinieri Forestali e dalla struttura del Commissario Straordinario per le bonifiche delle discariche abusive che è già realtà. E mette a segno un altro punto a favore dello Stato, nella lotta contro le ecomafie. La filiera della gestione dei rifiuti, delle discariche e dei siti contaminati è, infatti, in Italia a tutt’oggi una delle più «inquinate» dalla criminalità organizzata. Come confermano, sia l’ultima relazione della Direzione Nazionale Antimafia (DNA), che il recente  rapporto semestrale della Direzione Investigativa Antimafia. Per fare presto e bene» la task force creata tra Ministero dell’Ambiente e l’Arma dei Carabinieri Forestali in 34 mesi ha bonificato la metà delle discariche abusive, avvalendosi di una serie di protocolli, con gli enti di controllo e le forze investigative. read more

 

Nasce la Struttura Tecnica Nazionale per le emergenze
6 Febbraio 2020 -  Fonte Awn.it

Firmato l’atto costitutivo della “Struttura Tecnica Nazionale degli Ordini e dei Collegi Professionali di supporto alle Attività di Protezione Civile”, nata per iniziativa dei Consigli Nazionali degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori, dei Geometri eGeometri Laureati, dei Geologi e degli Ingegneri. La firma è avvenuta presso la sede della Protezione Civile, alla presenza del Capo Dipartimento Angelo Borrelli. Essa sarà, successivamente, aperta alla partecipazione degli altri Consigli Nazionali Tecnici. L’associazione, detta anche brevemente “Struttura Tecnica Nazionale” (STN), si propone di svolgere l'attività necessaria per collaborare con la Presidenza del Consiglio dei Ministri della Repubblica Italiana, Dipartimento della protezione civile, per la gestione delle emergenze sismiche e di altro tipo, nell'ambito del quadro normativo europeo e nazionale che regola la materia ed in esecuzione delle convenzioni di collaborazione tra i Consigli Nazionali firmatari da un lato, e la Presidenza del Consiglio dei Ministri della Repubblica Italiana, Dipartimento della protezione civile dall'altro. read more

 

Expo Dubai, una nuova grande opportunità per l'economia italiana
4 Febbraio 2020 - Fonte Il Sole 24ore

Succede sempre così: quando meno te l’aspetti, ecco arrivare una provvidenziale boccata d’ossigeno a dispetto del coronavirus. Capitò anche nel 2015 con l’Expo di Milano: scrissi allora che, nei momenti di grande crisi, ci sentiamo come naufraghi alla disperata ricerca di qualche zattera in mezzo al mare per aggrapparsi. E, un lustro fa, l'Esposizione sotto la Madonnina fu davvero una gran bella zattera. Da allora la metropoli lombarda continua a correre: girando per le vie del centro (e non solo), ti accorgi che “Milan l'è un gran Milan”, con una marcia in più sul resto della penisola. Quell'esperienza è stata, ovviamente, unica perché tutto si svolse nel cuore pulsante della nostra Italia. Ma adesso, sia pur parzialmente, potremo concederci il bis con l'Expo di Dubai, che si svolgerà dal prossimo 20 ottobre fino al il 10 aprile del 2021, e attirerà qualcosa come 25 milioni di visitatori. Anche se i Paesi arabi continuano a sembrarci lontani, il grande appuntamento dell'autunno potrà essere davvero un bel tonico per la nostra febbricitante economia. Senza fare paragoni azzardati, sono tanti, in effetti, i motivi che dovrebbero indurci a scommettere su Dubai come luogo ideale per offrire notevoli opportunità al nostro export. read more

 

Pfas in Veneto, i medici lanciano l'allarme: è un disastro sanitario
16 Gennaio 2020 - Fonte Repubblica.it

La denuncia dei medici Isde in una conferenza stampa alla Camera. "Serve una mappatura dei pozzi e studi epidemiologici" per individuare presenza ed effetti di questi acidi usati nei processi industriali e poi sversati nel suolo e nelle falde acquifere.
Una delle più gravi emergenze ambientali mai affrontate, che richiede studi epidemiologici e una mappa dei pozzi: così l'Associazione Italiana Medici per l'Ambiente (Isde) ha definito la situazione determinata in Veneto dalla contaminazione da Pfas in una conferenza stampa alla Camera, nella quale ha presentato un "Position paper" con un piano di azioni "per interventi immediati". I medici dell'Isde hanno rilevato che "in Veneto, nelle province di Vicenza, Padova e Verona con la contaminazione da Pfas, acidi usati nei processi industriali e poi sversati per decenni nel suolo e nelle falde acquifere, è in atto una delle emergenze sanitarie ed ambientali più gravi che il nostro Paese abbia mai dovuto affrontare". Necessari, hanno proseguito, anche "la mappatura completa dei pozzi privati, una Legge Nazionale che obblighi a dosare le Pfas prima che i fanghi di depurazione siano sparsi sui terreni agricoli come fertilizzanti, studi epidemiologici ben fatti a disposizione della comunità scientifica e che il limite di Pfas nell'acqua sia pari a zero". read more

 

Costa, 385milioni per rimuovere l'amianto da scuole e ospedali
14 Gennaio 2020 -  Fonte ANSA.IT

Un piano da 385 milioni di euro per la bonifica dall'amianto negli edifici pubblici, in particolare per la rimozione e lo smaltimento nelle scuole e negli ospedali.
Lo prevede il 'Piano di bonifica da amianto', previsto nel secondo Addendum al Piano operativo 'Ambiente' approvato dal Cipe nel 2016 e adottato adesso con un provvedimento dalla Direzione generale competente del ministero dell'Ambiente.
Nel piano, rende noto lo stesso ministero, sono individuati i soggetti beneficiari delle risorse (Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano) e le modalità di trasferimento. Tutti gli interventi, si sottolinea nella nota, dovranno essere realizzati entro il 31 dicembre 2025. I 385 milioni di euro sono stati ripartiti secondo i coefficienti di assegnazione regionale utilizzati per le risorse del Fondo Sviluppo e Coesione. Alla Regione Sicilia sono stati assegnati i finanziamenti più corposi: 107 milioni di euro. In seconda posizione la Puglia, con 74 milioni di euro, e la Calabria, con 43 milioni di euro. read more

 

Climate Change: il 2019 è il secondo anno più caldo dal 1880
12 Gennaio 2020 - Fonte AndreaGiuliacci.it

A livello planetario il 2019 è l’anno più caldo dell’era moderna: la conferma arriva dal Climate Change Service del Programma Copernicus per l’Osservazione della Terra, gestito dal ECMWF (European Centre for Medium Range Weather Forecast) per conto della Commissione Europea, con lo scopo di studiare i cambiamenti climatici a livello planetario, con specifico focus sul continente europeo. Ma cosa dice il rapporto diffuso dall’ente europeo? Ci racconta una situazione che lascia spazio a pochi dubbi: le temperature medie planetarie stanno velocemente galoppando verso valori via via sempre più alti.  Gli ultimi 5 anni (media quinquennale) sono i più caldi, a scala globale, dell’ultimo secolo e mezzo, e rispetto alle media del periodo 1850-1900 (considerata anche come la temperature di riferimento dell’era pre-industriale), sono stati di circa 1,1 gradi più caldi. L’anno più caldo dell’era moderna rimane il 2016, al secondo posto il 2019 e poi a seguire, nell’ordine, 2015, 2017 e 2018. Insomma, le ultime 5 annate sono state le più “bollenti” di sempre.  read more

 

Nasce la Direzione Bonifiche al Ministero dell'Ambiente!
09 Gennaio - Fonte Ministero dell'Ambiente

Il Ministro Costa: “Sarà un anno importante, svolta decisiva per superare lentezza burocratica”
ROMA, 9 gennaio 2019 – Il Ministero dell’Ambiente si è dotato di una Direzione generale che si occuperà esclusivamente di bonifiche. È quanto prevede la nuova organizzazione amministrativa del Dicastero (come previsto da decreto della presidenza del Consiglio pubblicato in Gazzetta ufficiale nel mese di dicembre) che sarà fondata su due Capi dipartimento, chiamati a coordinare i temi generali focalizzati rispettivamente sugli aspetti di tutela e salvaguardia ambientale e sulle politiche di transizione ecologica, e otto Direzioni generali, a presidio dei settori di competenza. “Abbiamo creato una direzione sulle bonifiche – ha affermato il Ministro dell’Ambiente Sergio Costa – E questo ci consentirà di dare una svolta decisiva e superare la lentezza burocratica che per troppo tempo ha tenuto in ostaggio territori che necessitano di interventi urgenti. Se fino allo scorso anno chi si occupava di bonifiche aveva anche la responsabilità del dissesto idrogeologico e della tutela delle acque e depurazione, da oggi in avanti non sarà più così”. read more 

  

Kuwait Oil Company - Opening Tenders - A Great Opportunity
02 Gennaio -  Fonte Kuwait Central Agency for Public Tenders

There is a great opportunity for companies working in remediation. Kuwait Oil Company published a tender for a series of activities regarding 13 millions cubic meters (that equals 0,013 km3!!) of soil contaminated by oil. The activities comprehend the engineering design, procurement of materials, conducting studies, expediting, shipping, projectmanagement, UXOclearance, soil characterization, lab and field remediation trials, construction, excavation, transportation, remediation, inspection, expansion of existing landfill facility, site restoration, testing and verification. It is a great globalopportunity for all medium-big companies that want to launch themselves in what is the biggest remediationproject. To know more about the Tender, click HERE and search by organization "Kuwait Oil Company", deadline 17 March 20.

 

Green New Deal: 4,24 miliardi di euro per la sostenibilità
27 Dicembre - Fonte Edilportale

Il nuovo Fondo dal 2020 finanzierà progetti per la lotta al cambiamento climatico e la mitigazione dei rischi. In arrivo dal 2020 4,24 miliardi di euro per l'avvio di programmi di investimento orientati alla sostenibilità ambientale e alla prevenzione dei rischi. La Legge di Bilancio 2020 istituisce presso il Ministero dell’economia e delle finanze (Mef), un Fondo con una dotazione di 470 milioni di euro per l'anno 2020, 930 milioni di euro per l'anno 2021 e 1.420 milioni di euro per ciascuno degli anni 2022 e 2023. 
Sul totale, una quota non inferiore a 450 milioni di euro (150 milioni per ciascuno degli anni 2020, 2021 e 2022) sarà destinata ad interventi per la riduzione delle emissioni di gas a effetto serra. Il Fondo, alimentato con i proventi della messa in vendita delle quote di emissione di C02, finanzierà dal 2020 progetti che abbiano come obiettivo la decarbonizzazione dell’economia, l’economia circolare, la rigenerazione urbana, il turismo sostenibile, l’adattamento e la mitigazione dei rischi sul territorio derivanti dal cambiamento climatico e programmi di investimento o progetti a carattere innovativo e ad elevata sostenibilità ambientale, che tengano conto degli impatti sociali. Per la realizzazione di questi obiettivi, il Mef potrà concedere garanzie, a titolo oneroso, fino all’80% per sostenere programmi specifici di investimento... read more

 

2 Aprile 2020, Università degli Studi di Tor Vergata, Master RISK-HSEQ
20 Dicembre - Fonte Università Tor Vergata

Rimangono aperte fino al 21 Febbraio le iscrizioni al Master 'Valutazione e Gestione dei Rischi per l'Ambiente, la Salute e la Sicurezza - HSEQ', di cui RemTech Expo è partner scientifico.
Il Master si propone di formare professionisti in grado di valutare i rischi per l'ambiente, la salute e la sicurezza indotti da opere e infrastrutture che potranno operare nell'ambito delle strutture HSEQ (Health, Safety, Environment, Quality) di aziende e società di consulenza ambientale e sicurezza nei luoghi di lavoro.
La domanda di ammissione va inviata entro il 21 Febbraio 2020. Le lezioni si terranno all'Università degli studi di Roma Tor Vergata e avranno inizio il 2 Aprile 2020 (venerdì pomeriggio e sabato). Il numero massimo di partecipanti è pari a n 30. Per maggiori informazioni sul bando e modalità di iscrizione, sui contenuti del Master e sul piano didattico visita il sito: http://ingamb.uniroma2.it/master.

 

E' iniziato il viaggio del TG2 nelle Terre dei Fuochi d'Italia
17 dicembre - Fonte TG2

Il reportage di Giammarco Sicuro ci porta in Campania. Vedi il servizio completo a questo LINK

 

26-28 Marzo 2020: Nasce la Hub Tecnologica Campania
11 dicembre - Fonte RemTech Expo e EnergyMed

E’ stato siglato ieri, 10 Dicembre 2019, da Filippo Parisini (FerraraFiere) e da Michele Macaluso Direttore di Anea, l’accordo tra RemTech Expo ed EnergyMed Mostra Convegno (Mostra d’Oltremare di Napoli) per l’avvio di un progetto innovativo e straordinario, la Hub Tecnologica Campania.
La Hub Tecnologica Campania nasce in piena sinergia con il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Ispra, il Commissario Straordinario per la Bonifica delle Discariche Abusive, e con la partecipazione di tutti i principali player pubblici e privati, nazionali e internazionali, con le finalità di promuovere il valore del risanamento del territorio e del recupero ambientale in Campania. Leggi tutti i dettagli, il programma e partecipa alla Call LINK

 

L'ambiente in Europa: stato e prospettive nel 2020
4 dicembre - Fonte Snpa Ambiente

Male la biodiversità, meglio le emissioni, fonti rinnovabili e uso efficiente delle risorse. L’Agenzia europea per l’ambiente (EEA) presenta un bilancio della situazione ambientale del nostro continente e accompagna i dati con indicazioni concrete per chi è chiamato a prendere decisioni politiche. Lo fa nel Rapporto “State and Outlook of the Environment Report – SOER 2020”, un documento redatto ogni cinque anni sulla base delle informazioni ambientali raccolte dai 33 paesi aderenti (i 28 dell’Unione più Islanda, Liechtenstein, Norvegia, Svizzera e Turchia) e da 6 cooperanti (Albania, Bosnia-Erzegovina, Macedonia del Nord, Montenegro, Serbia e Kosovo). Il quadro delineato dal Rapporto SOER 2020 presenta tendenze ambientali, nel complesso, simili a quelle del 2015. La preoccupazione maggiore è per quello che viene definito capitale naturale: aree protette, specie animali e vegetali, consumo del suolo, inquinamento dell’aria e impatto sugli ecosistemi. Dei 13 obiettivi strategici fissati per il 2020 in questo settore, solo due – aree terrestri e aree marine protette – hanno buone probabilità di essere raggiunti. Guardando al 2030, se le attuali tendenze dovessero rimanere tali, il deterioramento dell’ambiente naturale si aggraverà e aria, acqua e suolo continueranno a essere inquinati. C’è ancora, però, la possibilità di centrare quelli a più lungo termine del 2030 e 2050. read more

 

SOER2020 e Presentazione in Italia del Rapporto dell'Agenzia Europea 
3 dicembre - Fonte Ispra

Il Direttore Generale Ispra e Vicepresidente dell’ European Environment Agency, Alessandro Bratti, a Bruxelles per il management board dell'Agenzia e per la presentazione del #SOER2020 di domani. Annunciato anche l'evento Ispra del 26-27 Febbraio 2020, in cui EEA e l'Istituto presenteranno in Italia il Rapporto dell'Agenzia Europea e l'Annuario dei dati ambientali dell'Ispra.

 

Terremoto in Albania, scatenato da una faglia lunga 85km
27 novembre - Fonte ANSA
ROMA - A scatenare il terremoto del 26 novembre in Albania è stata una faglia lunga 85 chilometri che si estende da Nord-Ovest e Sud-Est fra le città di Durazzo e Lushnje e che non si è completamente attivata. Emerge dalle analisi dell'Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv). La faglia "appartiene alle strutture responsabili della deformazione e accavallamento dei sedimenti che costituiscono il nucleo della catena delle Albanidi". Si ritiene che una faglia simile abbia causato, sempre in Albania, il terremoto di magnitudo 5,8 del 21 settembre scorso. Secondo i sismologi gli effetti del terremoto "potrebbero essere stati amplificati dalle condizioni geologiche della regione". Qui si trovano infatti bacini di sedimenti non consolidati, nei quali l'ampiezza delle onde sismiche può aumentare anche di 4 o 5 volte rispetto a quella che si avrebbe in un suolo roccioso e consolidato. read more

 

26 -29 Novembre, Ecuador, Quito. Italia ed Ecuador per la valorizzazione del patrimonio culturale.
26 Novembre - Fonte RemTech Expo e il Giornale Diplomatico

Stiamo partecipando con l' Architetto Clara Cucco alla missione culturale italiana, promossa dall'ambasciatore d’Italia in Ecuador, Marco Filippo Tornetta, in collaborazione con il Ministero della Cultura e del Patrimonio dell’Ecuador che terminerà venerdì 29 Novembre. La missione italiana si inserisce in un progetto nell’ambito del Fondo Ítalo Ecuatoriano para el Desarrollo Sostenible (FIEDS), sottoscritto mediante accordo per la conversione del debito in progetti di sviluppo, firmato dal Governo della Repubblica dell’Ecuador e dal Governo Italiano il 29 aprile 2016. La missione italiana ha incontrato il ministro della Cultura dell’Ecuador, Juan Fernando Velasco Torres, con il proposito di iniziare un costruttivo ed attivo dialogo per la valorizzazione del patrimonio culturale nonché per la formazione di specifiche competenze nel settore della conservazione del patrimonio sia tangibile che intangibile. Il progetto è finalizzato a strutturare importanti collaborazioni sia sul piano della formazione che in ambito operativo al fine di stabilire connessioni e scambi, nonché trasferimento tecnologico e di competenze altamente specializzate, tra Ecuador e Italia. A RemTech Expo 2020 a Settembre approfondiremo alcuni importanti aspetti e progettualità avviate proprio in questi giorni. Ne parleremo naturalmente nell'ambito del segmento tematico GeoSismica.

Approvato il Decreto Clima, un primo importante passo per contrastare i cambiamenti climatici
22 Novembre - Fonte Ministero dell'Ambiente  della Tutela del Territorio e del Mare

Dai trasporti sostenibili alla riforestazione, dai green corner alla trasparenza dei dati ambientali, ecco le misure contenute Roma, 22 novembre 2019 - Il decreto clima è il primo decreto legge totalmente ambientale realizzato in Italia. Una misura che il governo ha ritenuto urgente e necessaria. Dati alla mano, l’Italia è purtroppo all’undicesimo posto nel mondo e prima in Europa per morti premature da esposizione alle polveri sottili PM2.5. Secondo un'indagine pubblicata sulla rivista The Lancet sull'impatto dei cambiamenti climatici sulla salute, le vittime nel 2016 sono state ben 45.600.  Tanto basta per comprendere che il clima e la qualità dell'aria sono temi che la politica non può più derogare, perché ad essere minacciata è la salute dell'umanità.  Ad agosto 2019, l'IPCC, il Comitato intergovernativo per i cambiamenti climatici dell’ONU, ha presentato il rapporto speciale su "Cambiamenti clima­tici, desertificazione, degrado terrestre, so­stenibilità del territorio, sicurezza alimentare e flussi di gas serra negli ecosistemi terre­stri" nel quale si evidenzia la stretta rela­zione che sussiste fra tutti questi fattori e le anomalie climatiche cui stiamo assistendo negli ultimi anni. Il rapporto, realizzato da 66 ricercatori da tutto il mondo, ha messo in luce una serie di dati allarmanti ed analizzato possibili misure per ridurre le emissioni di gas serra e limitare il riscaldamento glo­bale. Tra queste: il ripristino del territorio e la gestione del carbonio organico nel suolo, la conservazione degli ecosistemi, la riduzione della deforestazione e del de­grado, la riduzione della perdita e dello spreco di cibo. In questo scenario si colloca il Decreto Clima, un provvedimento che mira all'abbattimento delle emissioni e che è stato fortemente voluto dal Ministro dell’Ambiente Sergio Costa.
Il decreto clima rappresenta, soprattutto, un primo passo per il contrasto ai cambiamenti climatici. read more

  

20 Novembre 2019: approvati dalla Commissione Ue 3 dossier della IX semestralità bonificati o messi in sicurezza. Risparmiati altri €.1.200.000 sulla sanzione annuale. “Il dispositivo” creato, anche nel meridione, sta accelerando verso un sistema paese al passo con gli standard europei”
20 Novembre - Fonte Commissario Straordinario Bonifica Discariche

Roma, 20 novembre 2019 – attraverso le sinergie avviate dall’Ufficio del Commissario straordinario insieme al Ministero dell’Ambiente, il 19 novembre, la Struttura di Missione per le Procedure di Infrazione della Presidenza del Consiglio dei Ministri ha trasmesso la nota con la quale la Direzione Generale Ambiente della Commissione UE ha comunicato all’Italia la regolarizzazione di altri 3 siti di discarica abusivi (sugli 8 proposti da questa Struttura e 1 presentato dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare).  In tre anni e mezzo (dal 2 dicembre 2014 data di inizio della penalità comminata dalla Corte di Giustizia UE) l’Italia ha bonificato 155 siti, dei 200 iniziali con la conseguente riduzione della sanzione semestrale da € 42.800.000 agli attuali 9.600.000. Decorsi 4 semestri dalla nomina del Commissario (marzo 2017 – 81 siti affidati) il lavoro fino ad ora svolto, anche con la collaborazione del Ministero dell’Ambiente e  della Struttura di Missione delle Infrazioni Comunitarie della Presidenza del Consiglio dei Ministri, ha portato alla fuoriuscita dalla procedura di n. 34 discariche abusive, a cui si aggiungono quindi le 3 bonificate e accolte dalla UE nella richiesta di espunzione dall’infrazione dello scorso 2 giugno 2019, per un totale complessivo di 37 siti. Tutto ciò ha prodotto un risparmio sulla penalità inflitta all’Italia pari a: 

  • 4^ semestralità: 1 discarica bonificata per un risparmio sulla sanzione pari ad € 400.000 (€ 200.000 ogni semestre),
  • 5^ semestralità: 6 discariche bonificate per un risparmio sulla sanzione pari ad € 2.400.000 (€ 1.200.000 ogni semestre),
  • 6^ semestralità: 9 discariche bonificate per un risparmio sulla sanzione pari ad pari ad € 3.600.000 (€ 1.800.000 ogni semestre),
  • 7^ semestralità: 12 discariche bonificate per un risparmio sulla sanzione pari ad pari ad € 4.800.000 (€ 2.400.000 ogni semestre)
  • 8^ semestralità: 6 discariche bonificate per un risparmio sulla sanzione pari ad pari ad € 2.400.000 (€ 1.200.000 ogni semestre)
  • 9^ semestralità: 3 discariche bonificate per un risparmio sulla sanzione pari ad pari ad € 1.200.000 (€ 600.000 ogni semestre). 

La Sanzione Europea quindi, per gli 81 siti affidati al Commissario Straordinario, è passata dai € 32.400.000 annui ai € 9.200.000 con un risparmio a dicembre 2019 di € 14.800.000 per ogni anno. read more

 

Maltempo, l'appello del Ministro Costa "Il Risanamento Idrogeologico è la prima opera pubblica del nostro Paese, i fondi ci sono e vanno spesi"
17 Novembre - Fonte Ministero dell'Ambiente MATTM

«Il maltempo che sta investendo l’Italia in queste settimane sta aggredendo un territorio molto fragile. Occorrono progetti esecutivi per aprire i cantieri e mettere in sicurezza il Paese. I fondi ci sono e vanno spesi». E’ l’appello lanciato dal ministro dell’Ambiente Sergio Costa alle Regioni.  «Il Piano Stralcio ha già stanziato 315 milioni di euro nel 2019 per finanziare progetti esecutivi di tutela del territorio dal dissesto idrogeologico – spiega il ministro – e prevede 263 interventi in tutte le regioni». Si tratta di opere di estrema urgenza e indifferibilità, che hanno già ottenuto l’avallo dei commissari straordinari per il dissesto idrogeologico. «Complessivamente il governo ha stanziato 11 miliardi di euro per il triennio 2019-2021, nell’ambito del Piano nazionale Proteggi Italia, per la messa in sicurezza dal rischio di dissesto idrogeologico, con i primi 3 miliardi di euro disponibili nell'ambito del Piano stralcio 2019 per opere immediatamente cantierabili». I problemi di dissesto riguardano il 79% del territorio nazionale, ecco perché presso il ministero dell’Ambiente è stata istituita una task force, per collaborare costantemente con le Regioni e affinché i progetti presentati diventino cantierabili. read more

 

Presentazione Monografia "Bonifica dei Siti Inquinati" - 22 Novembre, Senato della Repubblica 
17 Novembre - Fonte RemTech Expo e Sigea

Su iniziativa del Senatore Ruggiero Quarto, alla presenza del Ministro Sergio Costa, della Senatrice Vilma Moronese, del Generale Giuseppe Vadalà, del Direttore Generale, Alessandro Bratti, del Presidente Antonello Fiore, si parlerà di bonifica dei siti inquinati, tecnologie, messa in sicurezza, valori di fondo, amianto. Gli interventi tecnici saranno a cura di Daniele Baldi (Sigea), Silvia Paparella (RemTech), Felice Vito Uricchio (CNR) Marco Giangrasso (Ispra). Dopo questa giornata, sono in agenda gli appuntamenti di Roma (II), Milano, Napoli, Bari e Gela.

 

Acqua Alta a Venezia - Aggiornamento al 16/11
16 Novembre - Fonte Ispra

E' stata di 117 cm la punta massima di Marea registrata a Venezia, Punta della Salute, intorno a mezzanotte. Un ulteriore picco secondario di 99 cm è stato registrato nella tarda mattinata odierna intorno alle 11.30. Confermate le previsioni di correnti sciroccali in Adriatico a partire dalla prossima nottata. Quindi ancora previsioni critiche per la marea a Venezia per la nottata e per la mattinata di domani, domenica 17. 130 cm sono previsti a Punta della Salute per le 02.10 e 155 cm per le 11.30 di domattina. "Serve fare un aggiornamento delle strategie messe in campo per contrastare questi fenomeni e per difendere al meglio la citta'". Lo ha spiegato all'Agi, Maurizio Ferla, ricercatore dell'Istituto Superiore per la Protezione e al Ricerca sull'ambiente e dirigente del Centro Nazionale Coste a proposito della nuova ondata di acqua alta che da questa mattina ha colpito la citta' e che, dalle proiezioni, sembra continuera' anche nei prossimi giorni.
"Il rischio ora e' che continui anche la prossima settimana con picchi ripetuti sopra i 120 centimetri. Non sarebbe la prima volta, ma certo e' un grande stress per la citta' e per le persone che ci vivono". L'acqua alta mette infatti fortemente alla prova la fragilita' della citta' sorta proprio nel cuore della laguna. "Questi fenomeni - ha spiegato - hanno ripercussioni dirette su tutti i sistemi, economici, commerciali, e anche di approvvigionamento elettrico ed energetico e non interessano solo la citta' ma, quando ci sono situazioni come quella odierna e' tutta la costa che va dalla Foce del Po a Ovest e fino a Monfalcone a Est a essere messa alla prova" read more

  

Seminario Nazionale "Analisi e attività di Mitigazione dei Processi Geo-Idrogeologici in Italia". Roma, 29 novembre 2019
13 Novembre - Fonte Sigea

La Sigea, Società Italiana Geologia e Ambiente, nell'intento di promuovere la cultura della previsione, della prevenzione e della mitigazione dei rischi geologici in Italia, ha organizzato un convegno dal titolo “Analisi e attività di mitigazione dei processi geo-idrologici in Italia” in occasione del trentennale della Legge 183/1989, prima normativa organica italiana sulla difesa del suolo. RemTech Expo è partner patrocinatore.
Il Seminario, indirizzato ai tecnici e ai ricercatori (geologi, ingegneri, architetti, agronomi, forestali, ecc.), ma anche al vasto pubblico  interessati alla problematica del dissesto geo-idrologico, desidera coinvolgere le istituzioni, gli Enti pubblici e gli Enti di ricerca più impegnati nella previsione, prevenzione, monitoraggio e mitigazione del rischio geo-idrologico.
È stata avviata la procedura per il riconoscimento dei crediti formativi, secondo i propri regolamenti, per Architetti PPC, Agronomi Forestali, Geologi e Ingegneri. La partecipazione al convegno è libera previa iscrizione da effettuarsi entro il 25 novembre. Per ulteriori informazioni,consultare il programma dell’evento ed effettuare l’iscrizione: http://www.sigeaweb.it/2012-07-23-20-04-01/convegni/971-analisi-e-attivita-di-mitigazione-dei-processi-geo-idrologici-in-italia.html.

 

Bonifica della rada di Augusta (Sicilia)
11 Novembre - Fonte Pagina Ufficiale Facebook Ministro dell'Ambiente Sergio Costa

Ministro Costa: "Questa è la Rada di Augusta, 23,5 km² per la maggior parte inquinati. Nel primo metro di acqua troviamo mercurio, idrocarburi pesanti, esaclorobenzene, diossine e furani. Come se non bastasse, oltre una decina di relitti affondati, semi affondati e gallegganti popolano queste acque. Una situazione delicata e inchiodata da troppi anni. A me non interessano i colori politici, bianco, nero, verde o giallo, non mi interessa chi deve metterci il cappello o la bandierina, non mi interessa se a raccogliere i frutti del lavoro saranno i governatori successivi. A me interessa che i problemi vengano risolti. Ho immediatamente avviato un tavolo prima tecnico, poi gestionale e infine politico per far si che si avvii finalmente il processo di bonifica. Sia chiaro. Non ci vorranno né settimane e né mesi per risolvere questo problema, ci vorranno anni. Ma è ora che gli attori si siedano attorno a un tavolo e trovino soluzioni tecniche e innovative affinché tutto questo finisca nel più breve tempo possibile."

Africa Investment Forum 2019
11 novembre - Fonte RemTech Expo

RemTech Expo sta partecipando all'Africa Investment Forum 2019, il più importante Forum e piattaforma internazionale per gli investimenti in Africa. "Largest EU Economy meets the Fastest growing Continent". Prossime tappe CapeTown e Mauritius.
LINK al sito web ufficiale di Africa Investment Forum.

 

Ambiente, il Ministero modifica la sua riorganizzazione. nasce il Dipartimento per la Transizione Ecologica e la Direzione Generale per il Mare
6 novembre - Fonte Ministero dell'Ambiente MATTM

Il Consiglio dei ministri di oggi 6 novembre ha approvato il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri di riorganizzazione del Ministero dell’ambiente. «Abbiamo aggiunto un nuovo tassello alla strategia del Green New Deal – annuncia il ministro Sergio Costa –. Il provvedimento approvato oggi dal Consiglio dei ministri rinnova totalmente il Ministero dell’Ambiente permettendoci di adeguare la struttura amministrativa alle sfide del futuro. Questa nuova organizzazione vede nascere due dipartimenti: il primo gestirà la tutela dell’ambiente, in tutte le sue componenti, all’interno del quale nascerà una nuova direzione ad hoc sul mare, oltre a quelle già esistenti su natura, dissesto e acqua; il secondo si occuperà della transizione ecologica, coordinando le competenze su crescita verde, economica circolare e sviluppo sostenibile. Ora saremo più forti e organizzati per affrontare le sfide ambientali sia a livello nazionale sia a livello internazionale, attraverso un maggiore presidio del territorio e una maggiore capacità di monitoraggio su tutti gli enti e amministrazioni che attuano le politiche ambientali».
La nuova organizzazione amministrativa, realizzata senza spese, si articola ora secondo un sistema più moderno a responsabilità distribuite fondato su due Capi dipartimento, che saranno chiamati a coordinare i temi generali, e otto Direzioni generali, a presidio dei settori di competenza. read more

 

Early booking per RemTech Expo 2020
05 Novembre 2019 - Fonte RemTech Expo e Labworld.it

RemTech Expo è l’unico evento internazionale permanente specializzato sui temi delle bonifiche, coste, dissesto, clima, sismica, rigenerazione urbana, industria sostenibile. Si compone di nove segmenti: RemTech e RemTech Europe bonifiche dei siti contaminati, Coast tutela delle coste, porti, sostenibilità, Esonda dissesto idrogeologico, inondazioni, frane, ClimeTech cambiamenti climatici, mitigazione, adattamento, GeoSismica rischio sismico, prevenzione, ricostruzione, Inertia opere sostenibili materiali, economia circolare, RigeneraCity rigenerazione urbana, social housing, ChemTech industria chimica innovativa e sostenibile. Si caratterizza per un’articolata esposizione di prodotti, strumenti e servizi specializzati, eventi faro, sessioni congressuali tecniche, tecnologiche e scientifiche, workshop, seminari, tavoli di confronto, gruppi di lavoro permanenti, corsi di formazione per operatori, autorità e decision maker, incontri bilaterali di livello internazionale, un’intensa attività di networking, scuole, academy, hub internazionali e poli di innovazione.

Alcune delle NOVITÀ delle ultime edizioni riguardano: l’istituzione dei Tavoli di confronto permanenti pubblico-privati di Snpa e RemTech Expo – 1.BONIFICHE E SITI CONTAMINATI, 2.RISCHI NATURALI E CLIMA, 3.ECONOMIA CIRCOLARE E GESTIONE RIFIUTI, 4.INDUSTRIA, INNOVAZIONE, MITIGAZIONE, 5. RIQUALIFICAZIONE E RIGENERAZIONE, 6.COSTE E PORTI;  l’organizzazione delle Live Demonstration con la presentazione delle più recenti soluzioni tecnologiche in materia di indagini, sottosuolo e monitoraggio; la consegna degli Award Degree, PhD, Innovation, Smart Port, Smart River, Land Management, Green Procurement, Progettazione, Geomatica, Economia Circolare, Poster Contest; l’avvio di RemBook, uno strumento nuovo e innovativo, dedicato al mercato delle bonifiche (operatori, filiere, qualifiche) e allo studio degli impatti economici del settore; il potenziamento dei momenti e delle serate di Networking colto, la forte spinta propulsiva all’internazionalizzazione...read more

E’ possibile, da ora e fino al 15 Dicembre, aderire all’esposizione 2020 in regime Early Booking scaricando il Modulo di Adesione direttamente QUI (-15% per area di 16mq, -20% per area da 24mq).

 

Premiazione "Comuni sempre più verdi"
05 Novembre - Fonte Cisambiente 

"Comuni sempre più' verdi" è il concorso indetto da Confindustria Cisambiente e riservato ai Comuni della Regione Puglia con meno di 30mila abitanti per valutare la propensione alla sostenibilità dell'Ente Locale, mettendo sotto la lente di ingrandimento gli aspetti che riguardano l'igiene urbana, la fruibilità turistica, e la produzione di energia a partire da fonti rinnovabili. Tra i tre Comuni vincitori, si è posizionato al primo quello di Salice Salentino, seguito da Locorotondo e da Grumo Appula al terzo posto. A premiare i vincitori, insieme al Presidente di Cisambiente Lucia Leonessi, anche Silvia Paparella General Manager di RemTech Expo.

LyondellBasell apre un nuovo impianto pilota per dare una seconda vita alla plastica 
15 Ottobre - Fonte estense.com

Investimenti al Centro Ricerche Giulio Natta per il riciclo molecolare. La multinazionale: "Impegno per raggiungere un’effettiva economia circolare". LyondellBasell investe su Ferrara e sulla ricerca per l’economia circolare. La multinazionale della chimica ha annunciato oggi la realizzazione di un nuovo impianto pilota di piccola scala presso il Centro Ricerche Giulio Natta di Ferrara, da costruire nei prossimi mesi per dare nuova vita alla plastica. Il sito ferrarese, selezionato dalla società per via della sua “lunga e gloriosa storia nella ricerca e sviluppo” e di una “consolidata esperienza nel campo dell’innovazione”, intende fare un altro passo in avanti nella trasformazione dei rifiuti di plastica post-consumo in nuove plastiche a scala commerciale.

Grazie alla collaborazione con l’Istituto di Tecnologia Karlsruhe (Kit), la tecnologia di riciclo molecolare di proprietà di LyondellBasell, conosciuta come MoReTec, ha dimostrato che l’uso di un catalizzatore nel processo di pirolisi – ovvero la scomposizione strutturale dei rifiuti plastici in molecole più piccole – è più veloce e più efficiente dal punto di vista energetico rispetto al riciclo chimico tradizionale. Negli ultimi 15 mesi abbiamo sviluppato nuove competenze nel riciclo chimico e attraverso la ricerca e la sperimentazione stiamo studiando diversi catalizzatori di proprietà LyondellBasell – ha dichiarato Jim Seward, senior vice president R&D, Tecnologia e Sostenibilità -. Oltre a continuare lo sviluppo del catalizzatore, il nostro investimento nell’impianto pilota di piccola scala ci aiuterà a migliorare la tecnologia MoReTec portandola a una scala commerciale nel nostro impegno di raggiungere un’effettiva economia circolare”. read more

 

RemTech Expo 2019 Proceedings and Instant Reports
15 Ottobre - Fonte RemTech Expo

Sono online le presentazioni degli interventi tenutisi in occasione dell'ultima edizione di RemTech Expo.
E' inoltre online il documento di sintesi - instant reports - dei sei gruppi di lavoro pubblico-privati, afferenti ai Tavoli di confronto permanenti Snpa&RemTech Expo: 1. Bonifiche e Siti contaminati, 2. Rischi naturali e Clima, 3. Economia circolare e Gestione dei rifiuti, 4. Industria innovativa e Sostenibile, 5. Riqualificazione e Rigenerazione, 6. Coste e Porti. A tutti gli speaker e ai partecipanti dei tavoli permanenti un sincero ringraziamento per l'impegno profuso.
Allo scopo di rendere il confronto sempre più ampio e costruttivo, Vi invitiamo a leggere il documento di sintesi dei GdL e ad inviarci ogni eventuale commento e proposta di integrazione utilizzando la finestra di consultazione che si chiuderà il 30 Ottobre. 

 

Eni inaugura la bioraffineria di Gela
26 Settembre 2019 - Fonte Recycling Industry

Avviato ad agosto 2019 il più innovativo impianto per la produzione di biocarburanti in Europa, potrà utilizzare cariche fino al 100% di materie prime di seconda generazione.
Eni ha realizzato a Gela la più innovativa bioraffineria d’Europa. Avviata nel mese di agosto 2019, con una capacità di lavorazione fino a 750.000 tonnellate annue, sarà in grado di trattare progressivamente quantità elevate di oli vegetali usati e di frittura, grassi animali, alghe e sottoprodotti di scarto per produrre biocarburanti di alta qualità.

A Gela tutti gli impianti del petrolchimico realizzato a partire dal 1962 sono stati fermati: per la riconversione della raffineria sono stati a oggi spesi 294 milioni di euro, a cui si aggiungono ulteriori 73 milioni di investimento previsti per ulteriori attività propedeutiche e per la realizzazione del futuro impianto per il pre-trattamento delle biomasse, che verrà completato entro il terzo trimestre 2020 e consentirà di alimentare la bioraffineria interamente con materie prime di seconda generazione, composte da scarti, oli vegetali grezzi e materie advanced.

Il processo di conversione da raffineria tradizionale a bioraffineria è iniziato nell’aprile 2016 è stato completato dopo oltre 3 milioni di ore di lavoro di persone Eni e delle imprese terze con l’importante traguardo raggiungo di zero infortuni. Per realizzare l’impianto Ecofining™ sono state modificate le due esistenti unità di desolforazione ed è stato costruito lo “Steam Reforming” per la produzione di idrogeno, componente fondamentale nel processo di produzione dell’HVO (Hydrogenated Vegetable Oil), cioè il biodiesel che, addizionato al gasolio fossile in una quota pari al 15%, compone il carburante premium Enidiesel+.

L’Amministratore delegato di Eni, Claudio Descalzi, ha commentato: «È un giorno molto importante per noi. A Venezia siamo stati i primi al mondo a convertire una raffineria tradizionale in bioraffineria e adesso inauguriamo la seconda, ancora più innovativa: un nuovo esemplare di eccellenza italiana. Si tratta di un grande passo avanti nel nostro percorso di decarbonizzazione, un cammino che come Eni abbiamo intrapreso da tempo ma al quale negli ultimi cinque anni abbiamo impresso una fortissima accelerazione, investendo significativamente sull’efficienza, e in particolare sulla produzione di energia verde, sulle rinnovabili e sull’economia circolare, attraverso la trasformazione di sostanze organiche e inorganiche, minimizzando gli sprechi e valorizzando i rifiuti e i materiali di scarto. Il tutto sviluppando ricerca, tecnologie e iniziative industriali che rappresenteranno per Eni vere e proprie future linee di business. E una parte significativa di questo percorso lo stiamo facendo proprio in Italia. Gela, in particolare, riveste in questo senso un ruolo da protagonista: oltre alla nuova bioraffineria, il sito gelese ospita l’impianto pilota Waste to fuel, che dallo scorso dicembre trasforma i rifiuti organici in bio olio, bio metano e acqua, ed è destinato a diventare per Eni un laboratorio per l’applicazione delle più avanzate tecnologie nel campo ambientale e delle rinnovabili».

 

World Green Building Week 2019
25 settembre - Fonte Green Building Council Italia

In occasione della World Green Building Week 2019, GBC Italia organizza il mercoledì 25 settembre presso la Regione Lazio un convegno per approfondire la sfida della ricostruzione post sisma del Centro Italia dal titolo "Riflessioni e casi pratici per una Ricostruzione Sostenibile. L’importanza di coniugare Territori, Cultura e Ambiente per la rigenerazione dei territori." 
Il convegno vuole essere un’occasione di riflessione sulla rigenerazione urbana e territoriale, dove l’azione congiunta di pubblico e privato può sviluppare vantaggi economici, sociali e culturali valorizzando patrimoni edilizi e territoriali ora degradati, o inadeguati sotto il profilo strutturale, tipologico, energetico e ambientale. Ci si concentrerà su quella che viene comunemente intesa come la più vasta opera di riqualificazione territoriale europea, i Comuni del centro Italia che stanno seguendo un percorso di uscita da una emergenza sismica. Si partirà dalle analisi delle principali tendenze di sostenibilità con riferimento sia a requisiti ambientali delle opere pubbliche (CAM Edilizia) sia ai sistemi di certificazione energetico-ambientale volontari. RemTech Expo è partner tecnico dell'evento.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
RemTech Expo - Segreteria Organizzativa - Tel.: +39 0532 909495 - e-mail: info@remtechexpo.com
RemTech Expo è un marchio di Ferrara Fiere Congressi S.r.l. - Via della Fiera, 11 - 44124 Ferrara - Italy - Tel. +39 0532 900713 - Fax +39 0532 976997 - e-mail: info@ferrarafiere.it. Società soggetta ad attività di direzione e coordinamento da parte di Bologna Fiere S.p.A. Cap. Soc. Euro 156.000 interamente versato C.F. - P.IVA e Reg. Imp. 01350170385 REA 150140.